Thursday, January 18, 2018

of expatriate divorce II -- sul divorzio expat II


In my book I joke (it wasn't a joke) that during an international assignment overseas, the bonus of the breadwinner  (who is usually just one of the family members) (who is usually the husband) (alright, let's call things with their name) the expat husband's bonus should be paid off directly to his expat wife. 

Yes. No joke.

Because the availability and dedication that's necessary to gain such bonuses requires a lot of backstage work by his tireless wife. 

(I think I will do a trilogy about expat divorce, and then move on. But really, the more I think about it, the more I realise how much there is to it.)

My second theory about it (after the Bonus Theory) is that there should be a safe heaven for expats going through divorce, such as a special instrument of law like the one (that probably doesn't exist either) regulating matters in international waters. The International Waters Theory

It is not acceptable that such a delicate matter has to be regulated by local laws of the country you happen to live in, this is really too much like the roll of o dice, even for us expat who roll the dice plenty. 
Being trapped by a legal system that's not the one of our country of origin, in which fundamental matters could be signed without really completely getting what they mean, is NOT ACCEPTABLE

Universities offer courses in international law, let's just include a few exams about divorce, how hard can it be? 

A long time ago, I wrote a POST about the famous case of the Milkshake Murder, and jokingly wrote that I understood why she did it (it wasn't a joke). The thing is that even though expat wives are not forced to follow their husbands abroad, there are always lots of other factors coming into play when it's decision time. 

The Opportunity Factor. 
The Exotic Factor. 
The "I don't want to be the party pooper" Factor. 
And of course, the Love Factor, aka "the trap". 

All these tricky bastards come together to give the expat-husband an excellent alibi he will readily use whenever he finds himself in hot water for some unexpected crisis that has suddenly stripped international living of all its glamour. 

He will say:

"Darling, it was a decision we took together". 

And then comes the milkshake.


------------------------


 Nel mio libro a un certo punto scherzo (non scherzavo) che durante le assegnazioni internazionali, il bonus del coniuge che ha il contratto di lavoro all'estero (che di solito è uno solo dei due) (che di solito è il marito) (vabbé, chiamiamo le cose col loro nome, va) il bonus del marito expat dovrebbe essere pagato direttamente alla moglie expat. 

Sul serio.

Perché la disponibilità e alacrità necessari a meritarsi il suddetto bonus, sono spesso il risultato di un faticoso lavoro dietro le quinte da parte della sua instancabile coniuge expat. 

(Mi sa che faccio una trilogia sul divorzio expat e poi cambio argomento, ma è che più ci penso, più mi rendo conto di quanto ci sia da dire).

Il mio secondo teorema, dopo il Teorema del Bonus, riguarda il fatto che ci dovrebbe essere una zona di sicurezza per gli expat che divorziano, sancito da una legislazione come quella (che forse nemmeno esiste) che regola le questioni in acque internazionali. Il Teorema delle Acque Internazionali

Non è accettabile che una questione delicata come il divorzio sia sancita dalle leggi locali del paese straniero in cui si capita per caso di abitare in quel momento. È troppo una scommessa.
Essere prigionieri di un sistema legale che non è quello del nostro paese, in cui clausole fondamentali rischiano di essere fraintese NON È ACCETTABILE. 

Le università hanno già i corsi di legge internazionale, basta aggiungerci qualche esame sul divorzio, e la questione è risolta. 

Tempo fa ho scritto questo POST sul famoso caso dell'Omicidio del Frullato. Dicevo scherzando (non scherzavo) che capivo i motivi che l'avevano spinta a farlo. Il fatto è che nonostante nessuno obblighi le mogli expat a seguire i loro mariti all'estero, quando viene il momento di decidere, entrano in gioco diversi fattori:

Il Fattore dell'Opportunità.
Il Fattore Esotico.
Il Fattore "non voglio certo fare la parte della guastafeste". 
E naturalmente il Fattore Amore, quella trappola infernale. 

Tutti questi maledetti si riuniscono poi per formare l'alibi perfetto che il marito expat tirerà prontamente fuori ogni qualvolta qualche imprevisto spogli improvvisamente l'esperienza all'estero della sua patina dorata. 

E dirà:

"Ma cara, è una decisione che abbiamo preso insieme".

E a questo punto, arriva il frullato. 


(pic by theknot.com)




of expat divorce -- sul divorzio expat


I have had an obsession for a while, and that's expat divorce
For those who are unfamiliar with our habitat, this might look like the latest attempt to draw attention to our privileged condition, but hold your guns. 

Any of life's many drawbacks, is going to hit you harder if you are an expat. Because as long as we are jet setting around the world we all look pretty damn sharp, but the moment something tragic or unexpected occurs, the lack of safety nets becomes dramatically evident. 

I've got quite a few expat friends who are currently going to divorce, and the sadness of it all is not the only common denominator their situations share. The other one is that they are being regally screwed by their (ex-) husbands, who are leaving them with almost nothing. 

How can this be? 

In the vast majority of cases, expat women are economically dependent from their husbands, and this is NOT, as someone might suggest, because instead of getting a job like everybody else in the world, we prefer to hang out at Starbucks in sweatpants with their friends

Let me say this once and for all:

HAVING NOTHING TO DO IS NOT, BY ANY SCHOOL OF THOUGHT, A DESIRABLE CONDITION. If anything it's depressing, because, and again, I will say this only once (and for all): WORK IS DIGNIFYING

Most expat wives don't work, unless they have some kind of carry-on freelance profession, because you cannot really start any professionally meaningful engagement in a foreign country if after a couple of years you need to pack your things and move on. And that's just if you are lucky enough to be in a country where you speak one of the accepted languages. Often, as in my case, a university degree which is rooted in the legal system of the country where it was obtained, cannot be validated abroad. Or it could, but this would mean taking further exams and going through such a bureaucratic odyssey that often lasts longer than the international assignment itself. 

Let's not also forget that on top of her professional frustrations, the expat wife is also the ring leader of every aspect of the family's life, because the expat husband is an expert in calling himself out when it comes to practical matters. After all, he's busy with the very important job that's given the family this wonderful opportunity. And we should not only not mind his absence, but thank him at any given chance for the important job he's doing. He's so important. Gosh. The most important

So now I am getting pissed off here, and I'll just have to keep talking about this another time. Let me just say that I've seen plenty of highly qualified women with masters and PhDs cling to an illusion of professional engagement by becoming language teachers for a few bucks an hour, because of lack of options. 
At least that covered their Starbucks lattes, but not the sweatpants. 

I held cooking classes at my place at a certain point. And for free. It was great. But come on. I had my masters' degree collecting dust in a drawer.

Now I see this amazing friend of mine who has been giving her unconditional support to her husband's professional success as they moved over and over for 20 years without a break. 
I see her sitting in front of a judge as she goes through divorce in a foreign language (German, not just ANY foreign language), in a foreign legal system, with no family around to support her. And with her (ex-) lovely husband accusing her to be a gold-digger, she hears this words from the judge:

"Your husband worked very hard to succeed in his job. To have this kind of money, you should have done the same". 

I will talk some more about this, but right now, I think I need that vomit bag from two posts ago.  


------------------------------------------

È da un po' che sono ossessionata dal divorzio expat
Per coloro che non conoscono bene il nostro habitat, questo potrebbe sembrare l'ennesimo tentativo di attirare l'attenzione lamentandomi della nostra condizione privilegiata, ma un attimo. 

Ognuna delle fregature che la vita prima o poi ci tira addosso, farà più male se sei un'expat. Perché finché ci limitiamo a prendere 100 voli per girare il mondo, sembriamo i più fighi del pianeta, ma appena succede qualcosa di inaspettato, la mancanza di rete di sicurezza diventa tragicamente evidente. 

Ho diverse amiche expat che stanno divorziando. E la tristezza della situazione non è l'unico denominatore comune di quello che stanno passando. L'altro è che i loro cari (ex-) mariti le stanno fregando clamorosamente, lasciandole col minimo indispensabile per sopravvivere. 

Come può essere?

Nella stragrande maggioranza dei casi, le mogli expat dipendono economicamente dai loro mariti, e non perché, come i più maligni vogliono pensare, invece di trovarci un lavoro come ogni altro essere umano, preferiamo passare il tempo da Starbucks in tuta con le amiche. 

Lasciatemelo dire una volta per tutte: 

NON AVERE NIENTE DA FARE NON È, DA QUALSIASI PUNTO DI VISTA SI GUARDI, UNA CONDIZIONE DESIDERABILE. Casomai è deprimente, in quanto, e anche questo lo dirò una sola volta (e per tutte): IL LAVORO NOBILITA.

La maggior parte delle mogli expat non lavora a meno che non abbia una qualche professione freelance che può portare con sé, perché non è possibile intraprendere un impegno professionale serio se ogni due o tre anni devi fare le valigie e ripartire. E poi c'è il problema della lingua. Spesso, come nel mio caso, la laurea è legata al sistema giudiziario del paese in cui è stata ottenuta, e non è valida all'estero. O se può essere convalidata, ciò di solito richiede ulteriori esami e un'odissea burocratica spesso più lunga dell'assegnazione internazionale in quel paese. 

Non dimentichiamoci inoltre, che oltre alle proprie frustrazioni professionali, la moglie expat è anche il direttore del circo di casa, perché il marito expat è un artista dello sfilarsi dalle questioni pratiche. Dopotutto fa un lavoro importante lui. Quel lavoro importantissimo che ha dato alla famiglia questa fantastica opportunità di vita all'estero. È importante lui. Cavoli. Il più importante di tutti. 

Visto che mi sto incazzando, dovrò continuare questo discorso un'altra volta, ma lasciatemi soltanto dire che ho visto tantissime donne con qualifiche universitarie e dottorati finire a dare lezioni di lingua per due soldi perché non avevano altre opzioni.
Almeno i due soldi coprivano i cappuccini da Starbucks (ma la tuta no).

Io davo lezioni di cucina Italiana, per carità, bello, divertente, e pure gratis. Mentre la mia laurea ammuffiva in un cassetto. 

E adesso ho questa mia amica che è una donna meravigliosa che ha seguito il marito con abnegazione in giro per il mondo per 20 anni mentre gli faceva da supporto in tutto e per tutto perché lui potesse concentrarsi sulla sua carriera. 
La guardo esterrefatta mentre sta seduta davanti al giudice in tribunale durante l'udienza del suo divorzio, definito da un sistema legale straniero, senza la sua famiglia intorno a supportarla. 
Il giudice le parla in tedesco, nonostante la sua lingua madre sia lo spagnolo e la lingua expat sia l'inglese. E seguendo la logica del (ex-) marito che l'ha accusata di essere un'avida materialista, le dice:

"Suo marito si è impegnato e ha lavorato duramente per ottenere questa posizione e questo salario. E lei? Cos'ha fatto? Se voleva avere più soldi, doveva impegnarsi anche lei."

Ritornerò su quest'argomento, ma adesso mi serve uno di quei sacchetti di due post fa. 

(pic from Aimee Wilder)

Tuesday, January 16, 2018

of heavenly Dolores -- su Dolores e il paradiso


So I've always liked this kick-ass Dolores. Like all true stars who chose to display only their art and not their ass, she had moved a bit to the sidelines, lately.

I've used the Cranberries' ODE TO MY FAMILY as writing music throughout my book. Writing music is like a soundtrack that accompanies the act of writing, it has to have the right tempo, the right feel to it. The title of the song fit perfectly as well. 

When she became famous, I read that when the Cranberries were looking for a lead singer, she showed up at the  auditions, this tiny fireball of a girl from the Irish countryside, and before starting to sing she said that she had come to see if they were good enough fo her. My kind of girl.

She had been a victim of sexual abuse as a child, but kept this dark secret until she was a grown woman. She said that "a seeker after truth is like a rock star seeking after a great song, it's a process of spiritual growth, and even religious reawakening". 

I normally trust in Mark Twain's saying: "go to heaven for the climate, to hell for the company", but in case of Dolores, I'll probably need to behave to hear her sing again. 

-----------------------------------

Mi è sempre piaciuta questa Dolores con l'energia incontenibile che scaturiva da una persona così minuta. Come ogni vera artista che ha scelto di mostrare più arte che culo, era un po' uscita dalle luci della ribalta.

Ho usato ODE TO MY FAMILY come colonna sonora quando scrivevo il mio libro. Il titolo era perfetto, ma la colonna sonora perfetta deve avere anche il ritmo giusto e una certa affinità spirituale con ciò che si scrive. 

Quando negli anni 90 è diventata famosa, avevo letto che quando i Cranberries cercavano una vocalista per la loro band, se n'era arrivata dalla campagna irlandese alle audizioni, questa personcina esplosiva, e prima di iniziare a cantare aveva dichiarato di essere venuta per vedere se erano abbastanza bravi per lei. La mia donna ideale. 

Da piccola era stata una vittima di abusi sessuali, ma aveva mantenuto questo terribile segreto finché non è stata adulta. Ha detto che "chi cerca la verità è come una rock star alla ricerca della canzone giusta, è un processo di crescita spirituale, quasi religioso."

Normalmente mi fido del famoso detto di Mark Twain: "Vai in paradiso per il clima ma all'inferno per la compagnia", ma nel caso di Dolores mi sa che dovrò comportarmi bene per sentirla cantare ancora. 

(pic from Malay Mail Online)

Tuesday, January 9, 2018

of the spoiled expatriate -- sull' espatriata viziata


I sometimes need to remind myself that this blog was intended to be about expatriate stuff. I keep losing my way and doing EVERYTHING wrong, according to blogging etiquette: 

  • I do not write regularly 
  • I do not stick to one subject 
  • I do not regularly give feedback to fellow-bloggers to build my community of followers. 

Why? Because life. That demanding bitch.

I know expats are often disliked. Because of the arrogance and colonial demeanour of a few, we bear the burden of being considered a spoiled bunch of sorry losers who travel the world for free and are exempted from the boredom of day-to-day living. 

This of course has some truth in it, but I am particularly short tempered by the "spoiled" part. 

There is a certain book about expatriate living, that recently got a review in which the author is accused of being a spoiled brat. 

But of course, this particular author in her book did not write the truth, the whole truth and nothing but the truth, because this book was meant for her kids and she just didn't want every page to be about how much she HATED their father for putting her through all she's been through. 

So let me tell you about chapter 58 and what's behind these lines:
"For Christmas we followed the exact same program as last year: I flew with the kids to Zürich first and then, after Sam joined us, we drove the 5 hours to Italy to keep the families at bay."

Easy, right? Spoiled brat. 
3 countries in 3 days. 
Bitch.

This is what actually happened: 

I flew with the kids to Zürich by myself because my husband had the usual #$@&% last-minute meeting and let me enjoy the delightful #$@&% 12-hour flight from Tokyo with a 7-year-old and a 9-year-old in economy class all by myself. Thank you, darling.
When we got to Zürich we took the #$@&% train from the airport to the city (me, kids, backpacks and suitcase) and with a 9-hour #$@&% jet lag, trudged our way to the hotel. There was snow on the ground so I actually had to lift the #$@&% suitcase to carry it. 

Once at the hotel, we went out to find some food for dinner (although on Tokyo time we should be having breakfast) and had pizza. Back at the hotel my girl started feeling sick. This is a person who pukes on EVERY even barely moving mean of transport, so it might have been the  #$@&% tram. Since we were up anyway most of the night because of the #$@&% jet-lag, I wrapped her up in the duvet and let her sit by the open window to get some fresh air on her face (-10 degrees) so she'd feel better. When in the morning we went down for breakfast (in Tokyo: #$@&% dinner time) my girl was still nauseous. 

She had nothing for breakfast but was sitting with us at the table and suddenly said she felt sick. So I grabbed her and made a run for our room hoping we'd reach the #$@&% bathroom in time. 
We didn't.
She was sick in the #$@&% lift. 

I know what you are thinking now: OH LORD! THE POOR PEOPLE AT THE HOTEL, WHAT A MESS, HOW DISGUSTING, IN THE LIFT! EXPATS=PUKING SCUM.

But hold it, fellows. We left the lift with no signs of the dirty deed.
Because the spoiled expatriate bitch knows her travelling brood and will keep a folded airplane vomit bag in the back-pocket of her jeans at all times while on the move. (They actually make for nice keepsakes if you've been travelling on different carriers, I have quite a collection). 

And there was her #$@&% pizza. In the #$@&% Swiss vomit bag. In the #$@&% hotel lift. 
Then, completely unfazed, with just a couple of hours sleep in the past 48 hours, we started our day, visited friends, the Christmas Market, and when my husband joined us all perky and fresh from his flight in business class all by himself, we rented a car, drove to Italy and did the ironman-crossfit challenge that's Christmas with our families. 

Who is spoiled now? 

Perhaps those who never move abroad. Those who do not travel the world for free. Those who have their families around in times of crises. Those who can afford to get sick because some friend or relative will step in. Those who are not constantly learning several foreign languages at once. Those who spend the days before Christmas decorating their home and cooking with their families and not holding puke-bags in a hotel lift. Those who did not have to put their career on hold for the medieval reason of favouring their husband. Perhaps those who are economically independent as well. Most of all those. 

You spoiled bitches. 


------------------


Dovrei cercare di ricordarmi che questo blog è nato per parlare di faccende expat. Continuo a distrarmi e non seguo nessuna delle regole d’oro per avere un blog di successo: 
  •          Non scrivo regolarmente
  •         Non mi limito a un solo tema
  •         Non commento regolarmente su altri blog per costruirmi una base di followers 

Perché? Per colpa della vita, che ne ha sempre una.

So bene che noi expat risultiamo alquanto antipatici. Per colpa dell’arroganza e dell’atteggiamento da colonialista di pochi, la nostra reputazione è quella di non essere altro che dei privilegiati viziati che viaggiano per il mondo gratis e sono esonerati dal tran-tran quotidiano.

E c’è del vero in questo, ma la parte „viziati“ non mi va giù.

C’è un certo libro che parla di noi espatriati che ha di recente ricevuto una recensione in cui all’autrice viene dato della „bambina viziata“.

Il fatto è che in questo libro in particolare, l’autrice non ha scritto la verià, tutta la verità e niente altro che la verità, perché il libro è per i suoi bambini, e non voleva di certo che in OGNI SINGOLA PAGINA ci fosse scritto quanto visceralmente odiasse il loro padre per averle fatto passare tutto quello che le ha fatto passare.

Nel capitol 58, per esempio. C’è MOLTO di più dietro a queste poche righe:
Per Natale abbiamo deciso di seguire alla lettera il programma dell’anno scorso: io sono partita prima con i bambini per passare da Zurigo e poi Sam ci ha raggiunti e siamo andati in Italia a trovare le nostre famiglie.”

Facile, no? Bambina viziata.
3 paesi in 3 giorni.
Stronza.

Ma ecco cos’è successo in realtà:

Sono partita prima con i bambini, perché mio marito aveva il solito meeting#$@&% fuori-programma e per l’ennesima volta ha lasciato che mi godessi da sola il volo #$@&% di 12 ore da Tokyo con due bambini di 7 e 9 anni in economy. Grazie, caro.
Arivati a Zurigo abbiamo preso il treno #$@&% fino in città (io, i bambini, gli zaini e la valigia) e con un jet-lag di 9 ore ci siamo trascinati all’albergo #$@&%. Era pieno di neve, così ho dovuto sollevare la valigia #$@&% per l’intero tragitto.

Arrivati all’albergo, siamo usciti per cena anche se a Tokyo era ora di colazione. Abbiamo mangiato una pizza, dopodiché a mia figlia è venuta la nausea. A lei viene la nausea su QUALSIASI mezzo di trasporto, quindi forse era colpa del tram #$@&%. Visto che tanto non abbiamo dormito niente per colpa della differenza oraria, l’ho avvolta nel piumone e l’ho fatta sedere vicino alla finestra aperta perché sentisse l’aria fresca sul viso (-10 gradi) per quasi tutta la notte.
Quando al mattino siamo scesi per la colazione, aveva ancora la nausea.

Non ha mangiato niente ma seduta con noi al tavolo ha improvvisamente detto che le veniva da vomitare.  L’ho presa al volo e ci siamo precipitate in camera sperando di arrivare in bagno in tempo.
Non ce l’abbiamo fatta.
Ha vomitato in ascensore.

Ora so cosa state pensando: ODDIO! CHE SCHIFO! POVERACCI QUELLI DELL’ALBERGO! DISGUSTOSI EXPAT VOMITOSI!

E invece no. Siamo uscite dall’ascensore senza lasciare alcun segno del fattaccio.
Perché la stronza expat viziata conosce bene la sua prole giramondo e quando in viaggio avrà sempre un sacchetto per il vomito di quelli che danno sugli aerei piegato nella tasca posteriore dei suoi jeans. (In effetti ne ho una collezione intera da svariate compagnie aeree).

E riecco la pizza #$@&%, nel sacchetto per il vomito #$@&%  della Swiss. Nell’ascensore #$@&% dell’albergo.
Dopodiché, come se niente fosse, abbiamo iniziato la nostra giornata con forse 2 ore di sonno nelle ultime 48 ore. Siamo andati a trovare vari amici, abbiamo visitato il mercato di Natale e quando mio marito è arrivato da Tokyo, tutto bello fresco e riposato dopo il volo in Business da solo, abbiamo affittato una macchina e guidato 5 ore per passare il Natale con le nostre famiglie.

E allora mi chiedo: chi è davvero la bambina viziata?

Forse quelle che non sono mai andate a vivere all’estero. Quelle che non viaggiano per il mondo gratis, ma hanno intorno le loro famiglie nei momenti difficili. Quelle che possono permettersi di ammalarsi perché una vecchia amica o una sorella potranno dare una mano. Quelle che passano i giorni prima del Natale ad appendere decorazioni e cucinare con le loro famiglie, e non nell'ascensore di un albergo con un sacchetto di vomito in mano. Quelle che non devono costantemente imparare lingue astruse e che non hanno dovuto interrompere la loro carriera per “seguire i loro mariti” come delle dame medioevali. Forse anche quelle economicamente indipendenti. Quelle più di tutte.

Stronze viziate.

(Pic from Amazon)




Sunday, January 7, 2018

of Marcella -- su Marcella



So a couple of days ago, one of the teachers from my Liceo in Italy passed away. Liceo freely translates as high school, but "high school" is barely the square root of what our Liceo used to be. We had latin and greek and latin and greek literature IN LATIN AND GREEK! Not to mention philosophy! (Not sure what that is...) It was tough. 
I still don't know how I went through it, given all distractions I had at the time (boys). 

Professor G. was our Italian teacher and she passed away at the wise old age of 95. 

The thing is that I thought she was already 95 when she was my teacher.

So I checked with my friend Michelle, who for many years shared my school tribulations and hobbies (boys), and realised that no, she was not 95 when she taught us. 
 
She was 65. 

And although it seems like just a few days went by since Michelle and I sat in our desks terrified at the thought that she might ask us a question (because we had been busy with our favourite hobby instead of studying) (boys), we were actually the same age our kids are now. 
And even our parents were younger than we are now. 

Professor G. was a tough and somewhat ancient teacher. All the students were terrified of her. I remember that on the very first essay I wrote in her class, I got an A. She liked the way I wrote and I think this has often given me a free pass with her, when I was not as accurate as I should be in my studying or got carried away by too many after-school activities(boys). 

After we graduated, one evening she invited our class at her home for a drink. She lived alone and I remember that all the walls of her tiny home were covered by books. Together with all the classics were rows and rows of cheap romantic novels, the same ones I read in the summer on the beach hoping my mother would never pick up one, or she'd find out that the characters were actually doing it, and in great detail. I remember the feeling of tenderness and sisterhood when I realised that this woman of limitless culture was enjoying them too. 

In those books I learned one of the basic truths about love and sex. Those our parents never cared to mention, probably believing that the mechanics of it was all we really needed. I already passed this truth on to my kids, to make sure they know that the mechanics of it are absolutely NOT all they really need.

I learned that for women, it's not about the actual deed (boys), but it's all about the ALMOST. 

---------------------

Un paio di giorni fa è morta una mia vecchia insegnante del liceo. Cavoli com'era difficile il liceo, con greco e latino, e letteratura greca e latina IN GRECO E LATINO! Per non parlare di filosofia, ma che cavolo sarà mai questa filosofia? Era difficile e ancora non mi capacito di esserci uscita incolume, soprattutto viste tutte le distrazioni che avevo al tempo (maschili).

La Professoressa G. era la nostra insegnante di Italiano ed è mancata alla veneranda età di 95 anni

Il fatto è che pensavo che già quando eravamo al liceo avesse 95 anni.

Così ho chiesto a Michelle, mia compagna di banco e di avventure (maschili), con la quale per anni ho condiviso l'angoscia di essere interrogata sapendo benissimo che invece di studiare ci eravamo dedicate tutta la domenica ai nostri hobby preferiti (maschili) e ho scoperto che allora non aveva 95 anni, ma 65.
E che noi avevamo l'età dei nostri figli. E perfino i nostri genitori erano più giovani di quanto lo siamo noi adesso. 

Ci deve essere un errore. Se al liceo classico avessimo fatto più matematica, lo troverei. 

Con la Professoressa G. non si scherzava. Non ci cascava quando cercavamo di farci venire la febbre finta stando accanto al termosifone per poter andare a casa. Era severa e incuteva un certo terrore antico. Mi ricordo che al mio primo tema nella sua classe ha dato un 8. Le piaceva il mio modo di scrivere e ho sempre avuto la sensazione che per questo chiudesse un po' un occhio quando non sapevo tutto durante le interrogazioni per le troppe attività extra-scolatiche (maschili). 

Dopo la maturità, una sera d'estate la Professoressa G. aveva invitato tutta la classe a bere qualcosa nella sua minuscola casa in cui viveva sola. Aveva scaffali e scaffali di libri, e vicino ai classici c'erano anche i libri Harmony, quelli con le storie d'amore che anch'io leggevo in spiaggia durante l'estate sperando che mia mamma non scoprisse che erano tutt'altro che innocenti e che anzi i personaggi lo facevano con dovizia di particolari.  Mi ricordo che mi fece tenerezza pensare che anche una donna di lettere come lei li leggesse. E senza nasconderli. 

Fra l'altro grazie a quei libri ho imparato uno dei principi fondamentali dell'amore e del sesso. Uno di quelli che i nostri genitori non ci hanno mai spiegato, convinti che per spaventarci bastassero già gli aspetti meccanici. 
Ho condiviso questa perla di saggezza con i miei figli, per assicurarmi che sappiano che c'è molto di più degli aspetti meccanici. 

Ho imparato che per noi donne è tutta una questione di QUASI

Thursday, January 4, 2018

of The Last Jedi -- sull'Ultimo Jedi


So I am pretty much just writing down some random shit. With teenagers in the house you need to master the art of talking about random shit, because that's 99% of the communication with them, you need to keep it flowing so you can occasionally insert that vital message about condoms and such and it won't sound as awkward. 

So I went with my kids to see the latest Star Wars movie, THE LAST JEDI. We put on our 3-D glasses and as soon as I stretched out my arms to catch the first spaceship coming my way, I was harshly reprimanded by my son, for whom Star Wars is a religion and deserves to be watched in still solemnity. 
It was 3-D and for sake of consequentiality I have 3 comments on this movie:

1. The only main character who in the movie is still alive to guide the resistance, is Princess Leia, who also happens to be the only character who in real life is dead. How are they going to move on from here? Of course the Jedi can always come back from the dead, which brings me to the next point:

2. When Luke Skywalker sends a projection of himself (and I know I am using the wrong terminology here) to fight Kylo Ren, he choses to send the one with the best hairstyle. A choice I support 100%. Of course I immediately noticed the shocking revelation that he's the ONLY JEDI who ever lived, who is able to appear somewhere else WHILE HE IS STILL ALIVE (my son told me afterwards, I was too busy wrapping my head around how damn hot Mark Hamill still is at 66).

3. Rose. That Disney character awkwardly forced into a Star Wars movie. What were they thinking? And when she crashes into Finn because "that's how we are going to win: Not fighting what we hate, but saving what we love"?! 
OH PLEASE! 
And as if this were not nauseating enough, she proceeds to peck him on the lips before she passes out. I was waiting for Elsa to appear and rightfully freeze both of their politically correct asses on the spot. And I quote my son, the Star Wars adept: "Star Wars is not about saving. It's about obliterating."

Amen. 


----------------

Be', adesso butto giù un po' di cazzate a caso. Quando si hanno in casa degli adolescenti, si diventa degli esperti delle cazzate a caso, perché costituiscono il 99% della comunicazione che deve essere a tutti i costi mantenuta perché si possa di tanto in tanto infilarci quel dettaglio fondamentale sui preservativi, facendolo sembrare casuale. 

Sono andata coi ragazzi a vedere L'ULTIMO JEDI, il film di Star Wars uscito qualche settimana fa. Ci siamo infilati i nostri occhiali 3-D e non appena ho allungato un braccio per acchiappare la prima nave spaziale che mi stava arrivando in faccia, sono stata strapazzata da mio figlio per il quale Star Wars è una religione alle cui funzioni bisogna assistere composti e in solenne silenzio.
Era in 3-D e quindi per amor di logica, ho 3 commenti sul film:

1. L'unico personaggio che nel film è ancora vivo e quindi in grado di guidare la resistenza, è la Principessa Leia, che purtroppo è anche l'unico personaggio che nella vita reale è morto. Come faranno? È vero che gli Jedi possono sempre tornare, come Master Yoda, il che mi porta al prossimo punto:

2. Quando alla fine del film Luke Skywalker manda una proiezione di se stesso (e sono certa che questo non è il termine adatto) a combattere contro Kylo Ren, sceglie di mandare quella col taglio di capelli migliore, cosa che farei anch'io. Naturalmente ho subito notato come Luke fosse l'unico Jedi mai esistito a riuscire ad apparire da un'altra parte NONOSTANTE FOSSE ANCORA VIVO! (me l'ha detto mio figlio, io ero troppo concentrata a chiedermi come cavolo faccia Mark Hamill a essere ancora così figo a 66 anni).

3. Rose.  Quel personaggio Disney cacciato a forza nel film, ci sta come i cavoli a merenda. Un'idea del cavolo, proprio. E quando si scontra con Finn perché "è così che vinceremo, non combattendo ciò che odiamo, ma salvando ciò che amiamo"?! 
MA PER FAVORE!
E come se ciò non fosse ancora abbastanza stucchevole, gli da un bacio sulle labbra prima di perdere i sensi.
Mi aspettavo che per lo meno arrivasse Elsa a congelarla per ben per togliere di mezzo lei e la sua lezioncina di morale. Cito mio figlio, il seguace di Star Star Wars: "In Star Wars non si salva. Si oblitera."

Amen.