Wednesday, August 23, 2017

of parenting Mork -- sulla mamma di Mork


I find it so exciting to see my kids develop their own political ideas, and how could they not? The news are in their face ALL THE time, they carry them in their pockets to school, sometimes they check their phones even before breakfast, and so there we are, coffee, cereal, Nutella and the Barcelona attack

We were in Barcelona in April and I was a bit paranoid. The Ramblas were extremely crowded. We avoided walking down the center, as I had noticed with some apprehension that, although there was an imposing police presence at the adjacent Plaza Cataluña, no physical barrier had been installed at the entrance of the Ramblas. 

One should not live in fear, but I believe in the superior power of common sense, and on the Ramblas I felt like we were all just walking bowling-pins and wondered how many points our lives were worth.

I love discussing politics with my kids and hearing them out. They are so authentic in the fresh way they look at things. They have this alien outlook, still shred of prejudices. 


I never thought that being a mom would bring me back so often to the episodes of Mork & Mindy I watched when I was little. Especially to the part at the end of each episode in which Mork contacts his superior, Orson, to brief him on what he has learned about earth. 

I am Orson, and my kids are Morks. I am fittingly writing from Ork today, where humor is not permitted (did you know that this was the reason why Mork was sent away?), 'cos I can't shake that bowling-pin feeling. 
Then tomorrow I too will get in my space-egg, come down to earth and  be funny again. 


---------------------------

Mi piace da pazzi assistere a come i miei figli stanno sviluppando le proprie idee politiche. E come potrebbero non farlo? Hanno le notizie del mondo sotto al naso TUTTO IL TEMPO, se le portano anche in tasca quando vanno a scuola, a volte accendono il telefono ancora prima di fare colazione, e allora ci ritroviamo con caffè, cereali, Nutella e l'attacco a Barcellona

Siamo stati a Barcellona in Aprile, ed ero un po' paranoica.  Le Ramblas erano affollatissime. Cercavamo di evitare di passare proprio al centro, visto che mi ero accorta che, nonostante ci fosse un'ingente spiegamento di forze di polizia nell'adiacente Plaza Cataluña, non era stata installata nessuna barriera fisica all'imbocco delle Ramblas stesse. 
Non si dovrebbe vivere col terrore, è vero, ma credo anche nel potere superiore del buon senso, e sulle Ramblas mi sembrava che fossimo birilli da bowling ambulanti, e mi chiedevo quanti punti sarebbero valse le nostre vite. 

Adoro discutere di politica con i ragazzi, sentirli esprimere le proprie idee, sono ancora così fresche e autentiche. Hanno un occhio alieno su quello che succede nel mondo, ancora privo di pregiudizi. 

Non avevo mai pensato che essere una mamma mi avrebbe ricordato così sovente gli episodi di Mork & Mindy che guardavo da piccola. Specialmente la parte alla fine, quando Mork chiamava il suo superiore Orson per fargli il resoconto di quello che aveva imparato sugli umani. 
Ecco, io sono Orson, e i ragazzi i miei due Mork. Infatti oggi scrivo da Ork, dove era vietato scherzare (lo sapevate che questo è il motivo per cui Mork era stato mandato via?), perché non riesco a liberarmi della sensazione di essere un birillo. 
Poi domani salgo a bordo del mio uovo spaziale, torno sulla terra e cerco di nuovo di essere divertente. 

No comments:

Post a Comment